domenica 15 dicembre 2013

Addio Peter O'Toole, Lawrence d'Arabia

Era irlandese di Connemara, nella Contea di Galway nell’Irlanda occidentale. E’ stato uno degli attori più british della storia del cinema, e insieme uno dei più universali e versatili. Ha dato il proprio volto e il proprio spirito a uno dei personaggi più mitici della storia, della letteratura, dell’immaginario collettivo dell’Occidente, quel Thomas Edward Lawrence con cui 50 anni fa sotto la regia del grande David Lean arrivò ad immedesimarsi così bene da entrare insieme a lui a braccetto nella leggenda.


Lawrence d’Arabia era morto il 19 maggio 1935 a causa di un incidente di moto, quando ormai il mondo si stava dimenticando di colui che era stato l’eroe della rivolta araba contro l’Impero Ottomano, che aveva dato un contributo non secondario alla vittoria del suo paese e della Triplice Intesa nella Prima Guerra Mondiale ed in ultima analisi alla dissoluzione di un mondo ormai troppo vecchio ed alla nascita del mondo moderno. Peter O’Toole, colui che ha saputo raccontare la storia di quell’eroe meglio di chiunque altro alla sensibilità di quel mondo moderno, è morto ieri a Londra al Wellington Hospital dove era ricoverato, all’età di 81 anni.
Lawrence era stato il capolavoro suo e di David Lean, ma se il regista era stato premiato subito con l’Oscar l’attore invece aveva dovuto aspettare il 2003 per riceverne uno alla carriera dapprima rifiutato sdegnosamente (“non sono ancora morto”) e poi accettato su pressioni della famiglia. Almeno 8 volte aveva ricevuto la nomination, ma mai era stato premiato per una delle sue tante interpretazioni magistrali. Aveva prestato la sua faccia e la sua inquietante follia espressiva a personaggi come l’eroe negativo o quantomeno controverso di Joseph Conrad, Lord Jim, o il perverso generale nazista della Notte dei Generali, dove aveva ritrovato il grande Omar Sharif. Lo struggente professore di scuola di Goodbye Mr. Chips e il grande re d’Inghilterra e conquistatore di Francia Enrico II nel teatrale Leone d’Inverno, dove si era rubato la scena con Katharine Hepburn. Imperatore Tiberio nel Caligola di Tinto Brass e precettore dell’Ultimo Imperatore della Cina, Pu Yi, nell’omonimo film di Bernardo Bertolucci, un altro che fece incetta di premi Oscar per tutti meno che per lui.
Al suo bel volto britannico si era ispirato nientemeno che Roberto Raviola, in arte Magnus, per disegnare le fattezze del personaggio dei fumetti più famoso partorito dalla mente di Luciano Secchi, in arte Max Bunker: quell’Alan Ford che ha accompagnato le letture di tanti adolescenti italiani nell’epoca d’oro in cui Peter O’Toole era un’icona di quel cinema d’autore che ha perso ieri uno dei suoi ultimi pezzi.

Sei fortunato che quando Dio ti fece pazzo ti dette anche una faccia da pazzo”, dice lo sceriffo Alì Ibn Al Kharish (interpretato da Omar Sharif) a Lawrence, a commento di una delle sue mirabolanti imprese in Arabia. Il modello si adattava al personaggio come all’attore, ed è forse è il premio alla carriera più gradito tra quanti se ne porta via con sé Peter O’Toole, che da oggi ha raggiunto il colonnello inglese in qualche oasi lassù nel cielo, dove realtà e fiction non hanno più distinzione.

Nessun commento:

Posta un commento